Ballando con le stelle: anatomia di un successo

17 Mag
17 maggio 2018

Dopo anni ed anni di traguardi conquistati e di nuovi obiettivi mai forse come quest’anno Milly Carlucci ha incantato milioni di italiani con il suo format Ballando con le Stelle. La grazia signorile, la ferrea determinazione, la competenza assoluta e la cura maniacale dei dettagli hanno fatto sì che quest’anno più di sempre lo show ballasse non con le stelle ma vorremmo dire sopra le stelle. Vediamo i motivi:

  • la perfetta sceneggiatura che non ha lasciato spazio né alla noia né all’improvvisazione;

  • le meravigliose scenografie che hanno con dei nuovi accorgimenti aumentato a dismisura la percezione della profondità del palco;

  • gli abiti ed i protagonisti scelti per accattivarsi simpatie e antipatie, gridolini di apprezzamento e uno sbuffare di malcelata sopportazione.

Uno spettacolo pieno di donne bellissime, di uomini sensuali, di brutte simpatiche e di anziane star. Il tutto miscelato da una grande novità di quest’anno: l’uso dei social e la promozione di Ballando negli altri programmi .

Ballando con le stelle quest’anno ha attuato una politica di cross promotion senza precedenti a cominciare dall’annuncio del cast che è avvenuto in una staffetta tra programmi Rai. Milly Carlucci è andata ospite in diverse trasmissioni e in ognuna ha svelato un concorrente del cast.

Da L’eredità a I soliti Ignoti, da Porta a Porta a La vita in diretta e così via.

La promozione e la collaborazione virtuosa tra programmi Rai è proseguita con grandi risultati.

Le collaborazioni con Storie italiane, Sabato Italiano, Domenica In e La vita in diretta hanno suscitato interesse e avuto influsso positivo sul programma che quest’anno viaggia con un punto e mezzo di share in più rispetto alla precedente edizione, ma hanno anche gonfiato gli ascolti dei programmi gemellati. Si va dall’ascolto record di Storie italiane il 25 aprile con la presenza di Giovanni Ciacci e Raimondo Todaro, alle curve in salita con AkashNathalie Guetta e Carolyn Smith a La vita in diretta, al grande risultato di Sabato Italiano con la presenza costante di vari elementi del cast. Bene anche Domenica In che aumenta di due punti la sua media quando diventa protagonista Ballando.

Insomma uno di quei casi in cui collaborando tra autori e produzione, facendo gioco di squadra si ottengono grandi risultati.

E attenzione signori miei perché se l’ammiraglia della Rai sfornava Ballando, Canale 5 non stava certo con le mani in mano e rilanciava il cowboy dalla voce roca, il mattatore assoluto delle reti Mediaset cioè quella Maria De Filippi che ha risposto colpo su colpo alle performance di Milly.

Ballando durava fino a mezzanotte? La De Filippi finiva all’una.

Ballando aveva sei spazi pubblicitari? Amici ne toglieva rapidamente alcuni.

Quest’anno 600.000 cuoricini a puntata e un continuo tamtam dei social ha a nostro parere spostato il verdetto del pubblico a favore della Rai. Per parte nostra, signori di una certa età, non facciamo difficoltà ad apprezzare Milly e tutto ciò che ci propone con il sorriso garbato di una signora senza età, fresca, giovane e che ci aiuta in questi tempi grigi ed un po’ calamitosi a passare qualche ora con charme e serenità.

Tags: ,
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *