Mattarella, tre indizi non fanno una prova ma… fanno ben sperare

18 Feb
18 Febbraio 2015

Insediamento di MattarellaL’avvio della presidenza Mattarella è stato segnato da tre indizi di comportamenti presidenziali che lasciano francamente ben sperare.

  1. L’arrivo a Palermo per la consueta privatissima visita al cimitero dove riposa la moglie amatissima su volo di linea. I passeggeri increduli, la stampa pure, i quirinalisti attoniti. Messaggio composto e neppure divulgato. La vera divulgazione è nel gesto in se stesso.
  2. Apertura del Quirinale tutti i giorni ai visitatori. Anche qui esempio di moderazione attenta, non si abbandona il Quirinale ma lo si apre tutti i giorni e si “invita” gli uffici ad arretrare di qualcuna delle 1200 stanze del palazzo.
  3. La scelta del segretario generale. Gli esperti di Quirinale avevano fatto altri nomi. Il Presidente ha scelto Ugo Zampetti già segretario generale della Camera dei Deputati. Cosi facendo si è mosso in piena autonomia concettuale nei confronti della vulgata del presidente del Consiglio che sembra voler rottamare tutto e tutti. Ha ribadito in buona sostanza che competenza, intelligenza e saggezza non hanno età e questo essere il suo metro di paragone.

Se il metro di valutazione può apparire diverso da quello di Renzi, assoluto è invece il rispetto delle norme (volute da questo Governo ndr), infatti il segretario generale prescelto lavorerà senza compenso alcuno. Con il che il Presidente della Repubblica ha colto due obiettivi: ha scelto una persona competente e ha fatto risparmiare allo stato diverse centinaia di migliaia di euro.
Come inizio non c’è che dire: niente male.

Tags: , ,
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *