Archive for category: Editoria

La donazione di Brandani. Cinquemila volumi al Comune

28 Gen
28 Gennaio 2017

logo_la_nazione

Sabato 28 gennaio ’17

Oggi cerimonia e convegno al Palazzone

5MILA documenti, fra libri e riviste, di cui circa 3mila già consegnati ed i restanti da depositare nei prossimi anni con una media di 300 all’anno, complessivamente oltre 5.000 volumi.
E’il valore della grande donazione del professor Alberto Brandani alla biblioteca «Marcello Braccagni» di Colle Val d’Elsa.Un evento, una scelta che valgono il convegno promosso oggi, alle 17, presso l’aula magna del Palazzone, dal Comune di Colle: «Il libro, casa comune» in occasione della cerimonia ufficiale della donazione.
Dopo i saluti del sindaco Paolo Canocchi, del presidente della Società «Amici dell’arte» Alessandro Malandrini, del direttore generale Biblioteche Mibac, Rosanna Rummo, sono previsti gli interventi di Ernesto Ferrero direttore del Salone del libro di Torino, di Marino Biondi critico letterario, saggista e docente di ’Storia della critica e della storiografia letteraria’ all’Università di Firenze. Fra i relatori,le bibliotecarie di Colle, Laura Nocentini e Nicla Senesi; e il professor Alberto Brandani. Modererà il dibattito il direttore del Centro studi americani Paolo Messa. «La donazione –dice Alberto Brandani–completa il ’Fondo Brandani’della Biblioteca di Colle, costituito circa venti anni fa. Vorrei dedicarla alle due bibliotecarie, Laura e Nicla, perché è grazie al loro lavoro, insieme a quello di tanti appassionati volontari, che oggi la Biblioteca Braccagni rappresenta un fiore all’occhiello della realtà colligiana con una media di 90 utenti al giorno e con la più alta affluenza di tutta la provincia di Siena per un totale di 25.155 utenti nel 2016. Il mio ricordo va anche al preside Lovanio Rossi, grande lettore e direttore della Biblioteca dal 1948 al 1955, figura di rilievo per la vita culturale di Colle. La speranza –conclude Brandani- è che questo fondo possa essere un ulteriore motivo di lettura, conoscenza e dialogo per i colligiani”.

[N-SIE - 19] NAZIONE/GIORNALE/SIE/18 ... 28/01/17

“Il libro, Casa Comune”: Brandani elogia il lavoro della biblioteca di Colle di Val d’Elsa

25 Gen
25 Gennaio 2017

logo_la_nazione

Mercoledì 25 gennaio ’17

Il manager dona parte della sua collezione alla biblioteca

CINQUEMILA libri in dono alla biblioteca di Colle. E’ il piccolo grande gesto con cui Alberto Brandani vuole dimostrare quanto ancora la cultura e la conoscenza siano un patrimonio unico da non disperdere, anzi semmai da incentivare e tramandare.

Come e perchĂ© è nata l’idea di questa donazione?

“La biblioteca di Colle è un fiore all’occhiello della nostra realtĂ  e registra da alcuni anni la piĂą alta affluenza di utenti di tutta la provincia. Nel 2016 sono stati rilevati 25.155 utenti con una media di 90 presenze al giorno. Oltre al legame con la mia cittĂ , mi fa quindi piacere sapere che i documenti donati andranno in un luogo vivo e vegeto, nella speranza che diventino un ulteriore motivo di lettura, conoscenza e dialogo. Vorrei dedicare il progetto alle due bibliotecarie, Laura (ora in pensione) e Nicla, perchĂ© è grazie al loro lavoro, insieme al lavoro di tanti appassionati volontari, che oggi la biblioteca è un vero punto di riferimento della cittĂ . La mia dedica va anche al Preside Rossi, grande letterato, Direttore della Biblioteca dal 1948 al 1955 e figura di assoluto rilievo per la vita culturale non solo a Colle”.

Quali sono i principali momenti di raccolta di questo materiale?

“I principali momenti di aggregazione culturale che hanno condotto a questo materiale sono: la Fondazione Giuseppe Donati, la Fondazione Naim, la Fondazione Formiche dal 2005 ad oggi e l’attivitĂ  ormai trentennale come Presidente della giuria letteraria del premio Letterario Internazionale “Elba-Brighetti”. Mi vorrei in particolare soffermare su quanto mi abbia arricchito l’aver creato la Fondazione Formiche ed il Premio Brignetti. Formiche che nelle sue articolazioni è oggi uno dei piĂą interessanti network del Paese significa lavoro continuo, umile, ricerca, seminari di grande approfondimento. Al Premio letterario Brignetti mi volle fortemente il suo nume tutelare di allora Geno Pampaloni insieme al pittore Giancarlo Castelvecchi. Il contatto continuo con grandi intellettuali ed operatori di cultura come ieri Pampaloni, De Benedetti, Barbiellini, Amidei, ed oggi Ferrero, Biondi, e tanti altri, è stato per me un onore ed uno stimolo costante”.

Qual è secondo lei oggi il ruolo del libro e delle biblioteche in generale?

“Nonostante molte apocalittiche dichiarazioni sulla morte del libro di carta, il libro sta piuttosto bene. Continua ad essere un gesto di fiducia e di ottimismo nel futuro e nella capacitĂ  degli uomini di raccontare e di raccontarsi. E le biblioteche, attraverso i libri e la loro fisicitĂ , creano una comunitĂ  ed uno spirito di appartenenza, come nel caso della biblioteca di Colle, e sono sempre piĂą un luogo di incontro e integrazione”.

L’APPUNTAMENTO

Sabato Convegno al Palazzone

Alberto Brandani, manager di lungo corso ed ex amministratore del Monte, ha promosso un progetto di donazione alla biblioteca “Marcello Braccagni” di Colle di circa 5.000 documenti fra riviste, libri e collane antologiche. Un prima parte, di circa 3.000 documenti, è giĂ  stata consegnata al Comune di Colle e la parte rimanente verrĂ  depositata nei prossimi anni con una media di circa 300 volumi all’anno.

In occasione della cerimonia del conferimento di questi documenti, il Comune ha organizzato un convegno dal titolo “Il libro, casa comune” Sabato 28 alle 17 all’aula magna del Palazzone , a Colle Val d’Elsa. Ci saranno in Sindaco, Paolo Canocchi, il presidente di Amici dell’Arte, Alessandro Malandrini, e il direttore denegare biblioteche del Mibact, Rosanna Rummo. Interventi di Ernesto Ferrero, giĂ  direttore del Salone del libro di Torino e Marino Biondi, critico letterario, saggista e docente, nonchĂ© le bibliotecarie Laura Nocentini e Nicla Senesi, e lo stesso Brandani. ModererĂ  il dibattito il Direttore del Centro Studi Americani, Paolo Messa.

LAN_20170125_SIENA_50 mod-2

Il libro, casa comune. Colle Val d’Elsa, 28 gennaio

22 Gen
22 Gennaio 2017

invito

Il Prof. Brandani presenta il libro di Onofri a Portoferraio

10 Ago
10 Agosto 2015

Passaggio in Sardegna di Massimo Onofri

Martedì 11 Agosto alle ore 19, presso la libreria Il Libraio di Portoferraio Massimo Onofri presenterĂ  al pubblico elbano la sua ultima fatica “Passaggio in Sardegna” (Giunti 2015).
Parteciperanno alla presentazione il Prof. Alberto Brandani, Presidente della Giuria Letteraria del Premio Letterario Internazionale Isola d’Elba, e l’Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Portoferraio Roberto Marini.
Il libro è un viaggio fuori dei percorsi obbligati dall’esotismo di massa, un viaggio letterario, innanzi tutto: per esempio nella Sassari reticente di Mannuzzu, o nella Nuoro dei morti e dei codici arcaici, ormai implosi, della Deledda e di Satta, ma anche di giovani scrittori come Fois o De Roma. Un viaggio di sapori e odori, magari a Alghero o a Oristano, perchĂ© la Sardegna non è solo la capitale possibile – dato che nei fatti l’ha anticipato – dello slow food italiano, ma anche d’una dolcissima slow life.

Stasera a Viterbo con Massimo Onofri per “Passaggio in Sardegna”

23 Lug
23 Luglio 2015

Siete tutti invitati alla presentazione del libro “Passaggio in Sardegna” di Massimo Onofri, che si terrĂ  stasera alle 20,30 al Grancaffè Schenardi di Viterbo.

Con chi vorrĂ  e potrĂ , ci vediamo stasera.

Passaggio in Sardegna

Abbiamo uno dei piĂą importanti manager europei? Perfetto, cambiamolo. Succede al Salone del libro di Torino.

17 Lug
17 Luglio 2015
Il presidente della Fondazione per il libro, Rolando Picchioni, e il direttore del Salone Ernesto Ferrero

Il presidente della Fondazione per il libro, Rolando Picchioni, e il direttore del Salone Ernesto Ferrero

Tanti anni fa nella colta ed austera Torino Ernesto Ferrero iniziava insieme a Picchioni quella lunga traversata umana professionale e quasi miracolosa che ha portato il Salone del libro di Torino ad essere la seconda realtà europea in questo difficile mercato. Ogni anno al lingotto in cinque giorni arrivano 300.000 visitatori,  migliaia di scrittori, centinaia di editori. Un magma incandescente dove tutto si tiene e dove tutto viene forgiato dalla mano ferma e sapiente del Direttore.
Un manager editoriale coi fiocchi Ferrero: tiene le briglie del Salone senza urlare ma con la fermezza che gli deriva da una indiscussa ed indiscutibile autorevolezza. Merce rara ai giorni nostri che il volgo e l’inclito spesso confondono con l’autorità. L’autorevolezza di Ferrero coincide con la sua pazienza, con la sua educazione, con la sua ostinazione e alla fine tutto sapientemente si amalgama, i lettori con gli autori, le case piccole con le grandi, i bambini ed i ragazzi con gli specialisti di discipline difficoltose.
Si può dire che un Paese senza politica è come una casa senza libri: gli manca l’anima. Ferrero cerca di lenire le cure giornaliere del nostro vivere con le buone letture, con l’odore della carta stampata, con il piacere di educare alla lettura.
Tutto bene dunque? Non proprio perché una mattina le autorità preposte decidono che Ferrero è alla fin fine da rottamare. Lo sconcerto è grande tra gli addetti ai lavori ma tant’è: alea iacta est, a settembre Ferrero sarà accantonato.
La cosa grottesca però è che, stando ai soliti bene informati, sembrerebbe che le due signore preposte al ruolo di Presidente della Fondazione e di Direttore del Salone, stiano già litigando sulle rispettive competenze prima ancora di montare in sella.
A Chiamparino e Fassino, persone serie, specchiate ed equilibrate vorremmo chiedere: non sarebbe stato meglio un bel bando internazionale come si fa per i grandi musei e come peraltro anche a Torino ha fatto il Museo Egizio e far accompagnare per qualche periodo di tempo il nuovo manager al grande vecchio Ferrero?
Non siamo per natura guastatori anzi è proprio il caso di dirlo alla luce di questo evento laudatores temporis acti.

A Marco Missiroli, con “Atti osceni in luogo privato”, va il Premio letterario Elba

15 Lug
15 Luglio 2015

A cura del Prof. Alberto Brandani


ATTI OSCENI IN LUOGO PRIVATO (Feltrinelli, 249 pagine, 16€) di Marco Missiroli è il vincitore della 43° edizione del Premio Internazionale di letteratura Isola d’Elba – Brignetti.

Romanzo di formazione sentimentale ed erotica il libro racconta l’educazione di Libero. E’ un inno d’amore all’eros e ai romanzi da leggere che sono infatti, insieme alla bibliotecaria Marie, il grande cuore del romanzo, il ponte che lega lettori e protagonisti. Una educazione sentimentale all’apparenza disordinata, in realtà molto lineare, prima la splendida Lunette e poi Anna la moglie. Nel mezzo una bulimia di sentimenti, un romanzo che ha dei films di Truffaut la struggente malinconia. Il filo rosso che lega tutto è l’eros e l’amore per i libri che rendono la vita lieve e più completa.
Il protagonista sembra staccarsi dalla propria famiglia e lentamente ci accorgiamo che Libero è stato sempre legato sia al padre che alla madre anche se la sua stella resta sempre la bibliotecaria Marie.
“I libri spostavano la mia gravità e avevano iniziato a mettermi al mondo”
Una summa di letture meravigliose, con l’uso delicato della lingua francese, nei momenti di forte tensione erotica, amorosa ed affettiva.
Non vi è solo una malinconia struggente perché le visite al cimitero al padre e la morte elegante e silenziosa della madre si coniugano con la gioia serena di Anna e della nascita di un figlio.
Libero è ormai grande – dichiara Alberto Brandani, Presidente della Giuria Letteraria del Brignetti – lo attendono le riflessioni di una maturitĂ  piena mai disgiunta dalla passione amorosa, dalla passione libraria, dai film con gli indiani e dalle amarezze che un’esistenza, anche felice, sempre presenta.

 

La platea della serata conclusiva del Premio letterario. Gli oltre 250 intervenuti hanno seguito la serata con grande interesse.

La platea della serata conclusiva del Premio letterario. Gli oltre 250 intervenuti hanno seguito la serata con grande interesse.