Un’isola silente

03 Ott
3 ottobre 2013

Alberto Brandani - Isola d'ElbaIl tempo che la motonave impiega da Piombino all’isola è di circa 60 minuti ma lo stato d’animo del viaggiatore è diverso: di sollievo e serenità quando si comincia ad intravedere la sagoma di Cavo prima propaggine elbana fino a quando il rosa stanco delle case di Portoferraio stinge nelle acque del porto mentre alla sinistra del viaggiatore stupito e intontito da tanta bellezza appare arcigno e serrato, lassù in alto, il Volterraio. “ Vado all’isola”, dice tutta la gente. Oppure, con mestizia: “Vado in continente”.
Ero stato introdotto all’amore per l’Elba dalla famiglia di mia moglie, elbana doc e nata allo Schiopparello; questo avveniva tanti anni orsono. Ne ero stato subito affascinato per il senso di profonda pace, per la quiete stagnante e la privacy assoluta. Ho amato l’Elba in tutte le sue stagioni e, anche se d’estate viene in parte divorata da viaggiatori frettolosi, i frequentatori delle Ghiaie con i suoi ritmi da primo Novecento e con trasparenze del mare che nulla hanno da invidiare a quelle di Rangiroa sanno che ogni spicchio dell’isola ha un suo sapore particolare.

Tags:
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *